Archivi tag: survival

Corsi Survival: Corso Base di Sopravvivenza 3-4 novembre ’18

SABATO 03 e DOMENICA 04 NOVEMBRE 2018

Vivere l’Aniene propone il corso base di sopravvivenza del Survival – Settore Nazionale CSEN
Un’esperienza di avventura per imparare le principali tecniche di survival e bushcraft 🔥💧⛺, scoprire il piacere di vivere lontano da ogni forma di tecnologia 📱, adattandosi all’ambiente selvaggio ⛰️🌲 e riuscendo a cavarsela semplicemente con l’equipaggiamento a disposizione e tutto ciò che la natura offre 😮.

Il Corso di Sopravvivenza ha difficoltà base, è adatto a tutti e si svolgerà in due giorni.

🔴 Programma

Sabato 03 Novembre
– Presentazione del corso e briefing iniziale
– Trekking
– Tecniche di orientamento con strumenti e senza strumenti
– Raggiungimento di un idoneo campo base
– Come costruire un rifugio di emergenza in 20 minuti
– Fuoco e metodi di accensione
– Prova individuale di accensione del fuoco con firesteel (acciarino)
– Ricerca e potabilizzazione di acqua naturale
– Cena trapper (cottura partecipata del cibo al fuoco)
– Orientamento notturno (stelle-luna)
– Notte nei rifugi costruiti

Domenica 04 Novembre
– Sveglia e colazione trapper
– Equipaggiamento e abbigliamento tecnico del survivor
– Come preparare il tuo kit di sopravvivenza
– Corde, nodi e loro utilizzo
– Cucina trapper (pranzo)
– Prevenzione pericoli (meteo, ambiente, animali e insetti)
– Autosoccorso base
– Segnalazioni di emergenza
– Come chiamare i soccorsi anche quando il cellulare non prende
– Trekking di rientro
– Consegna attestati e debriefing

🔴 Informazioni Utili

Ritrovo: sabato 03 Novembre ore 9.30 a Monte Livata (RM) presso il Centro Visita del Parco
Rientro: domenica 04 Novembre ore 17.00 circa

A chi è rivolto: Aperto a tutti, per apprendere e iniziare a pratica le tecniche basi della sopravvivenza in natura.

Requisiti per partecipare: stato di buona salute

Cosa include: istruttori nazionali, materiale survival (cordini, teli, acciarini, guanti da lavoro), scorte alimentari (cibo e acqua), attestato di partecipazione certificato CSEN (Centro Sportivo Educativo Nazionale).

Cosa non include: tutto ciò non indicato come incluso.

🔴 Equipaggiamento necessario:

Abbigliamento consigliato: Scarpe da trekking o simili. Abbigliamento a strati adatto alla stagione: maglia intima, camicia, felpa, pile, antivento, antipioggia, pantaloni lunghi.

Zaino: ricambi di maglia intima e calzini, guanti e cappello, coltellino, gavetta o pentolino, borraccia, torcia, sacco a pelo, stuoino o materassino, generi di conforto, igiene personale e wc, farmaci personali. E’ possibile noleggiare sacchi a pelo.

🔴 Info e prenotazioni:
viverelaniene@gmail.com – 3209681006 – www.viverelaniene.com

DUE GIORNI FULL IMMERSION, LONTANI DA STRESS E TECNOLOGIA, PER RISCOPRIRE LA NATURA E SE STESSI!

MIDLAND C1173 ER300 Radio di Emergenza

Questa radio di emergenza, non può mancare nel proprio zaino 72 ore, grazie a varie fonti di alimentazione, il suo funzionamento è garantito,  batterie al litio, pannelli solari, dinamo.

Ho utilizzato una radio (già pronta nel mio zaino di emergenza) nel terremoto che mi ha colpito qui a Norcia (PG) nel 2016, per essere informato in tempo reale sulla gravità della situazione,

In caso di calamità naturali o emergenze di vario tipo possiamo sempre essere in contatto con le notizie ed avere informazioni su come muoversi.

Di seguito uno dei link dove è possibile trovare questo prodotto: MIDLAND C1173 ER300 Radio di Emergenza

Corso Sibillini Survival svolto luglio 2017

E’ stato svolto nel mese di luglio il Sibillini Survival Basic, un corso basico di sopravvivenza a cui hanno partecipato ben 18 appassionati, durante il corso abbiamo insegnato a gestire un campo base, come approntare dei rifugi temporanei, provare a realizzare un arco e frecce in legno, utilizzare una razione k, muoversi nel territorio con una mappa e bussola, i ragazzi si sono comportati molto bene, riuscendo a superare tutte le prove assegnate, complimenti a tutto il gruppo.

Corso di survival soft per neofiti

Si è svolto il 16 luglio nei pressi di Norcia (PG), il corso di survival soft, i ragazzi hanno svolto delle prove di orientamento tramite una piccola gara, imparando ad usare mappa e bussola, poi hanno svolto le prove di accensione del fuoco con acciarino; sono riusciti ad accendere il fuoco grazie al solo materiale naturale trovato sul posto, complimenti ai ragazzi, successivamente tramite uno spago ed un telo-poncho hanno approntato un rifugio di emergenza.

Falconeria e sopravvivenza

L’Unesco ha riconosciuto nel 2010 la falconeria, patrimonio culturale immateriale dell’umanità. La richiesta era stata avanzata dalle seguenti nazioni: Belgio, Repubblica Ceca, Francia, Corea, Mongolia, Marocco, Qatar, Arabia Saudita, Spagna, Siria ed Emirati Arabi Uniti e altre associazioni dei falconieri di diversi stati.

La falconeria classica è un antica tradizione venatoria, dove il falco veniva utilizzato per procacciarsi del cibo e quindi per sopravvivere, da qui il filo conduttore tra falconeria e sopravvivenza.

Essa ha origini antichissime sembra sugli altopiani delle steppe asiatiche circa 4000 anni fa.

Le tecniche di falconeria sono state tramandate per centinaia di generazioni, passando per il medioevo dove ha avuto il massimo splendore fino ai giorni nostri, forse è la forma di caccia più completa e difficile.

Bisogna conoscere il falco il suo comportamento, alimentazione, anatomia, malattie, bisogna quasi diventare empatici con esso, capire in anticipo di cosa ha bisogno, poi si studia il territorio, la tipologia di selvaggina, quindi si affrontano scienze interconnesse.

Riuscire a catturare una preda dopo ore e ore di lavoro di addestramento con il proprio rapace è una soddisfazione senza precedenti.

Per saperne di più sulla falconeria in generale: https://it.wikipedia.org/wiki/Falconeria